www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Appennino news
Ultime

Raccolta funghi, una risorsa per il sentiero dei Laghi del Gorzente

E-mail Stampa PDF

 

 

L’Ente di Gestione delle Aree protette dell’Appennino Piemontese ha recentemente aggiudicato i lavori di manutenzione di un itinerario escursionistico del Parco Capanne di Marcarolo ed in particolare del sentiero n. 3 “Anello dei laghi del Gorzente” e di due aree attrezzate a servizio dei visitatori.

 

La manutenzione ordinaria dei percorsi segnalati solitamente viene fatta in economia dagli operai dell'Ente con la collaborazione dei guardiaparco e delle squadre forestali del Settore Tecnico della Regione Piemonte per la provincia di Alessandria ed Asti, intervenendo nella pulizia della vegetazione e nella sistemazione del fondo per il miglioramento della praticabilità e lo scolo delle acque meteoriche.

La manutenzione straordinaria viene invece solitamente appaltata a ditte specializzate in ingegneria naturalistica quando cioè i lavori necessari prevedono la sistemazione di versanti o ripristino/ variazione di itinerari.

 

I fondi utilizzati per questi interventi derivano solitamente da finanziamenti regionali o europei previsti per la sistemazione della sentieristica o per i servizi ad essa connessa come per esempio la segnaletica orizzontale e verticale, le aree attrezzate e le strutture ricettive.

 

I lavori in oggetto sono stati realizzati utilizzando fondi propri dell’Ente di Gestione, introitati attraverso le entrate derivanti, come definito dalla legge regionale n. 24/2007, dei Titoli per la raccolta dei funghi epigei, i vecchi “tesserini per la raccolta dei funghi”. Il finanziamento è stato inoltre integrato da un cofinanziamento dell’Aree Protette pari a circa il 40% (circa 4 mila euro su un totale di 10 mila euro di intervento) per la sistemazione delle due aree attrezzate di “Capanne Superiori” dalle quali è possibile partire per l’escursione sul monte Poggio che arriva ai laghi del Gorzente.

 

 

I lavori hanno interessato il primo tratto dell’anello dei Laghi del Gorzente, il sentiero che da C.na Salera consente di raggiungere la Sella del Monte Moro, attraversando un'area naturale caratterizzata da un'alternanza pascoli e aree boscate; il tracciato ha subito alcuni intensi dilavamenti in occasione dell'alluvione dell'autunno 2014 e successivamente è stato danneggiato dall’alterazione della regimazione delle acque meteoriche che scendono dal versante nord del Monte Poggio.

 

L'itinerario risultava quindi di difficile percorrenza da parte degli escursionisti, in modo particolare in occasione di piogge, anche non particolarmente intense, che provocavano l'allagamento del piano calpestabile. Analoghi problemi di regimazione delle acque meteoriche erano presenti nelle due aree attrezzate per la sosta degli escursionisti.

 

Gli interventi realizzati sono stati quindi i seguenti: nel tratto iniziale del sentiero si è provveduto all’apertura di un fosso di scolo a monte del sentiero, alla sistemazione di un tratto di strada con leggera scarifica e livellamento, al ripristino di un piccolo dissesto a monte e alla posa in opera di una bacheca; nelle aree attrezzate si è reso necessario il livellamento del parcheggio inghiaiato, l’apertura di un fosso di scolo a monte, il livellamento dell’area di sosta con riporto di terreno prelevato in zona, la sistemazione dell’area dell’altalena per i più piccoli e la fornitura di 5 gruppi tavolo-panche.

 

Approfondimento


 

L’intera rete escursionistica del Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo è composta da 21 itinerari, per un totale di circa 110 km di viabilità, che si snodano su sentieri e mulattiere e, in qualche caso, anche su strade sterrate. Si tratta di itinerari opportunamente indicati da un sistema modulare di segnaletica.

Il sentiero n. 3 “Anello dei laghi del Gorzente” parte da Capanne Superiori di Marcarolo (m 813 slm) in corrispondenza delle cascine Saliera e Locanda . I toponimi restituiscono la memoria di un deposito di sale e di un punto tappa che esistevano a Marcarolo quando la “strada Cabanera”, a partire dall’XI secolo, diventò uno dei più frequentati percorsi per il commercio del sale del quale Genova possedeva il monopolio.

Percorrendo la mulattiera lungo il versante settentrionale del monte Poggio, lo sguardo spazia sul panorama dei pascoli e delle prateria di altitudine, habitat ideali per i caprioli che qui sono facilmente osservabili nelle prime ore del mattino e al tramonto.
Dopo la Colla del monte Moro (m 814 slm) l’itinerario recupera quota per poi scendere tra i rimboschimenti di pino nero fino a raggiungere la sponda destra idrografica del lago Badana (m 716 slm) e poi proseguire al lago Bruno (m 646 slm) e lago Lungo (m 687 slm).

Per il ritorno si attraversa la diga del lago Badana e si prosegue in direzione Capanne Superiori su un sentiero immerso tra pini e erica arborea che raggiunge in breve tempo un poggio panoramico dal quale si dirama il sentiero per la Costa Lavezzara (m 800 slm). Il percorso continua quindi su una comoda mulattiera che riporta al punto di partenza. Questo tratto costeggia due belle cascine: la Menta di Cazè che, durante la Resistenza, è stata sede del I distaccamento della III Brigata Garibaldi “Liguria” e la Porasa circondata da possenti esemplari di faggio.

PUBBLICATO ANCHE SULLA RIVISTA PIEMONTE PARCHI

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Settembre 2017 10:56
 

ATTRAVERSO FESTIVAL Uomini e Storie delle terre di mezzo il festival diffuso tra Langhe - Roero – Monferrato dal 25 Agosto al 10 Settembre 2017 con anteprima il 29 Luglio 2017

E-mail Stampa PDF

Si è conclusa domenica scorsa 10 settembre la seconda edizione di Attraverso Festival, la rassegna diffusa che dal 25 Agosto al 10 Settembre 2017 è stata protagonista in Piemonte, nelle terre di mezzo tra LangheRoero e Monferrato inserite nella Unesco World Heritage 2014, e quelle limitrofe del basso Piemonte.

 

La programmazione è partita, in anteprima, proprio dal Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo, il 29 luglio scorso, con il debutto nazionale di Tamburi di Pace 2.0, progetto dello scrittore e giornalista Paolo Rumiz e del maestro Igor Coretti Kuret, insieme agli 80 elementi dell’European Spirit Youth Orchestra ha saputo emozionare il pubblico  giunto per l’occasione (circa 2000 persone) nello splendido contesto della cascina Benedicta, luogo simbolo della Resistenza della provincia alessandrina, immersa nella natura delle Aree Protette dell'Appennino Piemontese.

 

 

Da questo primo appuntamento circa 23.000 spettatori hanno preso parte ai ventotto eventi, concerti, incontri, spettacoli teatrali, convegni, avventure enogastronomiche, in programma, la maggior parte dei quali a ingresso gratuito, distribuiti su dodici giorni in ventuno comuni delle tre province coinvolte nella cornice di un solo grande festival che conferma così, l’obiettivo di porsi come tramite per vivere un’esperienza di spettacolo e di territorio regionale unitario superando ogni steccato geaografico-amministrativo.

 

Un viaggio dal forte sentimento e di partecipazione popolare che ha appassionato tutti i suoi protagonisti, dagli artisti al pubblico, dagli enti locali alle pro loco, dalle fondazioni alle associazioni che hanno creduto nel progetto e che hanno preso parte a questa seconda edizione di Attraverso Festival che si è confermato, dunque, un vero Festival di territorio.

 

Questa seconda edizione di Attraverso ha avuto come protagonisti: Aeham Ahmad, Assalti Frontali, Bandakadabra, Baustelle, Paolo Bonfanti, Fabrizio Bosso, Gianrico Carofiglio, Emilio Casalini, Ascanio Celestini, Roberta Ceretto, Corpo Bandistico Antonio Rebora, Carlo Cracco, Cristiano De André, Steve Della Casa, Erri De Luca, European Spirith Youth Orchestra (diretta da Igor Coretti Kuret), Oscar Farinetti, Margherita Fenoglio, Filippo Gambetta, Gigi Garanzini, Guido Harari, Oliver Julian Mazzariello, Gabriele Mirabassi, Efisio Mulas, Gianni Mura, Only Pleasure, Marco Paolini, Omar Pedrini, Rumba de Bodas, Paolo Rumiz, Antonio Silva, Sinfonico Honolulu, Alessandro Sipolo, Roberto Taufic, Enrica Tesio, Les Traine Savataes, Tre Lilu, Generoso Urciuoli, The Uppertons.

 

Approfondimento

 

 

Attraverso Festival è un progetto di Associazione Culturale Hiroshima Mon Amour e Produzioni Fuorivia con la collaborazione del Movimento di Resilienza Italiana e con l’Ente Parco Aree Protette Appennino Piemontese.

È realizzato con il Patrocinio di Mibact, Unesco, dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato e della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo. Con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT, Fondazione CRC, Fondazione CrAsti, e il coordinamento di Fondazione Piemonte dal Vivo. Con la collaborazione e il sostegno dei comuni di Alba, Barbaresco, Bosio, Bra, Calamandrana, Canelli, Casale Monferrato, Gavi, Grinzane Cavour, La Morra, Monforte d'Alba, Monticello d'Alba, Nizza Monferrato, Novi Ligure, Ovada, Parodi Ligure, Rocca Grimalda, Libarna/Serravalle Scrivia, Tagliolo M.to, Terruggia, Voltaggio.

 

Un ringraziamento speciale e affettuoso va inoltre ai numerosi soggetti che già operano sul territorio e che sono partner fondamentali di questo Festival: ATL Langhe Roero, ATL Alessandria, ATL Asti, le vivacissime Pro Loco, i produttori, i consorzi e le associazioni culturali del territorio. Attraverso Festival è stato possibile anche grazie a:

Ambiente & Cultura - Alba Sotterranea, Arnaldo Rivera, Associazione Comuni del Brachetto D’Acqui, Associazione Culturale Andè, Associazione Enogastronomica del Genovesato e dell'Oltregiogo Obertengo, Associazione Culturale Due Sotto l’Ombrello, Associazione Libarna Arteventi, Associazione Oltregiogo, Canelli Wine Run, Cantina Michele Chiarlo, Cantine di Fontanafredda, Centro Studi Beppe Fenoglio Onlus, Ceretto Vini, Conservatorio Vivaldi – Istituto di Alta Formazione Musicale di Alessandria, Consorzio Tutela del Gavi, Eataly, Degusta La Morra, Di Gavi in Gavi, Ecomuseo di Cascina Moglioni, Enoteca Regionale di Ovada e del Monferrato, Enoteca Regionale Piemontese Cavour – Castello di Grinzane Cavour, Festa della Vendemmia, Fondazione Bottari Lattes, Fondazione Mirafiore, Gavilonga, Il Circolo dei Lettori, i Talenti – Centro di Aggregazione Giovanile,  La Grande Illusione, Maramao Società Cooperativa Agricola Sociale Onlus, Mimesis, Movimento di Resilienza italiana, Oltre, Ordine Obertengo dei Cavalieri del Raviolo e del Cortese, Ovada in Festa, Parco Artistico nel vigneto “Orme su la Court”, Parco Eternot, Piccolo Festival della Felicità, Pro Loco Barbaresco, Pro Loco Comuni del Parco,  Pro Loco Gallo e Grinzane Cavour, Pro Loco Gavi, Pro Loco Monforte d’Alba, Pro Loco Monterotondo, Pro Loco Monticello d’Alba, Pro Loco Nizza Monferrato, Pro Loco Ovada, Pro Loco Parodi Ligure, Pro Loco Serravalle Scrivia, Sentieri di Confine asd, Ufficio Turismo e Manifestazioni di Bra, Ufficio Turismo Monforte d’Alba, Ufficio Turismo Comune Novi Ligure, Vendemmia Jazz.

 

ATTRAVERSO FESTIVAL

Langhe – Roero – Monferrato

25 agosto – 10 settembre 2017

 

www.attraversofestival.it
www.facebook.com/ATTRAVERSOFESTIVAL

 

Il lupo dall’Appennino alle Alpi: monitoraggio e gestione nel corridoio di connessione tra le due popolazioni - 29 settembre a Rocchetta Ligure

E-mail Stampa PDF

L’Ente di gestione delle Aree protette dell’Appennino piemontese, in qualità di Associato al Centro Regionale di Referenza Grandi Carnivori, ha organizzato un incontro istituzionale rivolto al pubblico sul monitoraggio della specie lupo in territorio appenninico

La serata dal titolo “Il lupo dall’Appennino alle Alpi: monitoraggio e gestione nel corridoio di connessione tra le due popolazioni” si svolgerà presso la sala comunale di Rocchetta Ligure alle 21.00.

Relatrice sarà la dott.ssa Francesca Marucco, Coordinatore tecnico scientifico - Project technical manager del Progetto LIFE WOLFALPS, presso il Centro Conservazione e Gestione Grandi Carnivori.

L’incontro è volto ad illustrare lo status del lupo in Piemonte e il Protocollo di monitoraggio scientifico coordinato Alpi-Appennino del progetto europeo LIFE WOLFALPS attivato dopo il “Progetto lupo Piemonte” attivo fino al 2012.

 

Chiusura temporanea e parziale della pesca nelle acque provinciali

E-mail Stampa PDF

Il forte stato di siccità, che dallo scorso maggio ha gradualmente interessato quasi la totalità dei torrenti compresi nell’intero reticolo idrico provinciale, ha gravemente messo in crisi l’esistenza della fauna ittica del territorio provinciale al punto tale da imporre necessari interventi di recupero di quest’ultima.

Inoltre il perdurare della siccità ha segregato la fauna ittica superstite in pozze che attingono al limitato corso di subalveo. Ove possibile tali pozze vengono monitorate da personale volontario ed all’occorrenza svuotate dalla fauna ittica che viene recuperata e posta in salvo altrove.

Considerando il perdurare della situazione stressante per i corsi d'acqua, si è riunita, il 30/8/2017, la Consulta Provinciale della Pesca che ha ritenuto necessario salvaguardare la fauna ittica provvedendo alla temporanea chiusura della pesca nelle acque salmonicole e ciprinicole della provincia di Alessandria, nonché disporre la sospensione delle gare di pesca già calendarizzate.

Dono state escluse dal presente provvedimento le aste dei fiumi Po e Tanaro per i quali non si configura tale necessità.

La successiva riapertura della pesca è rimandata a nuovo provvedimento soggetto al parere della suddetta Consulta Provinciale.

Pertanto con Decreto del Presidente della Provincia di Alessandria n. 120 del 31/08/2017 è stato decretato:

1) di disporre la temporanea chiusura della pesca nelle acque salmonicole e ciprinicole della provincia di Alessandria, provvedendo alla sospensione delle gare di pesca già calendarizzate; 
2) di rimandare la riapertura della pesca a nuovo ed analogo provvedimento; 
3) di disporre la pubblicazione del presente provvedimento all’Albo Pretorio per 15 giorni consecutivi; 
4) di dare atto che il presente provvedimento non comporta oneri di spesa a carico della Provincia di Alessandria;

 

 

 

Stato di massima pericolosità per incendi boschivi

E-mail Stampa PDF

E’ in vigore dal 22 agosto in tutto il Piemonte lo stato di massima pericolosità per incendi boschivi.

In considerazione dei numerosi incendi che in questi giorni stanno interessando la nostra regione e che vedono coinvolto nello spegnimento l'intero Sistema antincendi boschivi del Piemonte e tenuto conto delle condizioni meteorologiche, attuali e previste dal Centro funzionale Arpa Piemonte, la Regione Piemonte ha dichiarato, con propria Determinazione Dirigenziale N.2623 del 21.08.2017, lo stato di massima pericolosità incendi boschivi su tutto il territorio regionale a partire dal giorno 22 agosto 2017.

Sono pertanto vietate le azioni che possono determinare anche solo potenzialmente l’innesco di incendio: in particolare, accendere fuochi, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, utilizzare motori, fornelli o inceneritori che producono faville o brace, far partire fuochi d’artificio, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale e combustibile, compiere ogni altra azione operazione che possa creare comunque pericolo di incendio.

Si ricorda che le violazioni di legge sono punite anche penalmente.

Il Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte è attualmente pienamente operativo e la cessazione dello stato di massima pericolosità sarà disposta quando cesseranno le condizioni meteorologiche di rischio.

 

L'Ecomuseo di cascina Moglioni presenta i progetti didattici per le scuole al Workshop "ECOMUSEI E DIDATTICA"

E-mail Stampa PDF

Sabato 16 settembre l’Ecomuseo di cascina Moglioni interverrà, con una presentazione dei progetti didattici per le scuole, al workshop “Ecomusei e didattica - esperienze a confronto” organizzato dalla RETE ECOMUSEI della Regione Piemonte  a Settimo Torinese nell’Ecomuseo del Freidano.

Sarà un’occasione di confronto sulle tematiche didattico-educative portate avanti dagli Ecomusei piemontesi nell’ambito anche di tavole rotonde con i Dirigenti scolastici e gli insegnati del territorio.

 

Il workshop avrà valore per gli insegnati quale formazione obbligatoria del DM 05.07.2005 con rilascio dell’attestato di partecipazione.

SCARICA IL PROGRAMMA


Ultimo aggiornamento Martedì 12 Settembre 2017 14:14
 


Pagina 1 di 10