www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Oggi nell'Appennino I canti degli uccelli

I canti degli uccelli

E-mail Stampa PDF



L'escursione sui canti degli uccelli, svoltasi lo scorso 17 giugno 2012 nel Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo, ha permesso ai partecipanti di ascoltare il canto e, in alcuni casi di vedere, alcune delle specie più significative dell'area, tra le quali, ad esempio, il Corvo imperiale (avvistamento di due adulti e di due giovani in transito sopra la Costa Lavezzara). La foto d'apertura è di Paolo Vacchelli.

 
Corvo imperiale, inconfondibile per le dimensioni (è molto più grande della cornacchia), per la colorazione uniforme e per la grande coda cuneiforme

Di seguito gli uccelli ascoltati in canto (o di cui s'è udito il richiamo) e la località: Tortora selvatica (Foi); Fringuello (Pian della Volpe, Astore); Luì bianco (durante tutta la giornata, la specie canterina più frequente); Zìgolo muciatto (Fonte Friscellana e Merigo); Luì piccolo (Fonte Friscellana);



Luì piccolo in canto

segue la lista delle specie:
Capinera (Moglioni e Astore); Ciuffolotto (uno di passaggio sopra la Fonte Friscellana, inconfondibile per il richiamo caratteristico);



Ciuffolotto, il maschio è inconfondibile per il rosa carico delle parti inferiori

segue la lista delle specie:
Crociere (alcuni sopra la pineta dopo Pian della Volpe); Pettirosso (molti nel bosco intorno al Rio della Benedicta); Picchio rosso maggiore (uno ha tambureggiato nel castagneto presso Cascina Astore);



Picchio rosso maggiore

segue la lista delle specie:
Merlo (diversi nelle aree boscate); Cuculo (uno alla partenza, avvistato da un partecipante - Valter - che ha notato la coda particolarmente lunga); Rampichino (alcuni in canto presso Cascina Astore e Moglioni).
Nei pressi della Cascina Merigo, grazie alla splendida ospitalità di Maria e Giovanni Repetto, è stato osservato il nido della Rondine, specie oramai sempre più rara.

Tra i partecipanti alcuni hanno immortalato altri aspetti della vita naturale del Parco. Massimo Valle ha fotografato in maniera efficacissima questo bel maschio di Aporia crataegi, farfalla appartenente alla famiglia dei Pieridae (il cui nome vernacolare è anche "cavolaie")

Aporia crataegi, foto di Massimo Valle



Arctia villica, splendida farfalla "notturna". Foto di Massimo Valle



Foto di Paolo Vacchelli. Un momento dell'escursione sui canti degli uccelli del 17 giugno 2012 nel Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo



Il gruppo durante la visita all'Ecomuseo di Cascina Moglioni

Ai più piccoli, in particolare a Milo e Yuri (i primi nella foto sopra), non sono sfuggite nemmeno le libellule: a loro vogliamo dedicare queste immagini delle specie che purtroppo non sono riusciti a fotografare.
Un grazie a Paolo Vacchellli  (Ivrea - TO) e a Massimo Valle (Alessandria) per la bella compagnia e per aver messo a disposizione le loro foto.



Libellula depressa maschio. Avvistata da Yuri e Milo nello stagno di Fonte Friscellana



Pyrrhosoma nymphula. Sono stati visti, "mano nella mano", sempre nello stagno della fonte citata.



Cordulegaster boltonii. Esemplare "neosfarfallato", cioè appena trasformatosi in adulto.


Per rileggere gli articoli precedenti cliccate qui.

Ultimo aggiornamento Martedì 22 Gennaio 2013 17:21