www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Oggi nell'Appennino Aquilegia ophiolithica, specie nuova per la scienza a Marcarolo

Aquilegia ophiolithica, specie nuova per la scienza a Marcarolo

E-mail Stampa PDF



Giuseppina Barberis ed Enio Nardi hanno descritto una nuova pianta, appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae: si tratta di Aquilegia ophiolithica, specie che in passato è stata confusa con Aquilegia bertolonii Schott.



La descrizione è apparsa sulla rivista Webbia 66(2): 233-234. 2011 (nell'immagine sopra l'inizio dell'articolo).
Assieme a Viola bertolonii Pio emend. Merxm. et Lippert e a Cerastium utriense Barberis, la nuova aquilegia appartiene al contingente endemico a ridottissimo areale della penisola. Tutte e tre le specie si trovano infatti esclusivamente nel breve tratto di Appennino a ridosso delle città di Genova e Savona.



La notizia rende ancora più necessario il ruolo che le aree protette interessate dalla presenza di queste piante - Parco del Bèigua e Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo - sapranno avere nella conservazione degli
habitat.



Un primo passo, doveroso, sarà proporre all'Unione Europea l'inserimento di
Aquilegia ophiolithica Barberis et Nardi, negli elenchi della Direttiva Habitat 92/43/CE. Nel frattempo sarà anche opportuno proteggiere tutti i siti dove vegeta, monitorando nel tempo il dinamismo vegetazionale e l'impatto del pascolo.


Per rileggere gli articoli precedenti cliccate qui.

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Ottobre 2014 10:13