www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Oggi nell'Appennino Riserva del Neirone, una flora pregevole

Riserva del Neirone, una flora pregevole

E-mail Stampa PDF



La Riserva Naturale del Neirone, a dispetto della sua modesta estensione (101 ettari), ospita una flora di straordinario interesse conservazionistico ed estetico: il Pie' di gallo (Eranthis hyemalis) - foto sopra - è una Ranunculacea molto rara a livello regionale, dalla fioritura precocissima (spesso la si vede spuntare dal terreno ancora innevato) e che può essere confuso, da un occhio poco attento, col Ranuncolo favagello (Ranunculus ficaria) foto sotto.




Il Pie' di gallo, però, oltre ad avere meno "petali" (6 - 8), ha le foglie del fusto che abbracciano il fiore a mo' di ghirlanda, come se la natura gli avesse donato questa "confezione" per abbellirne l'aspetto.



Un altro fiore di particolare bellezza presente nella Riserva Naturale del Neirone è il Bucaneve (Galanthus nivalis) foto sotto e seguenti. La specie, seppur non rara a livello locale, è presente nel Piemonte soprattutto nel settore sudorientale dove, proprio qui, nei pressi del Forte di Gavi, ha una delle stazioni più importanti della zona (alcuni ettari).



La specie è molto precoce ed utilizza per l'impollinazione api e bombi.



Il Bucaneve è tutelato anche dal legislatore europeo (allegato V Direttiva Habitat) e per questa ragione le sue stazioni sono monitorate dalla Regione attraverso gli enti di gestione delle aree protette.
La specie è protetta anche dalla normativa regionale di settore (L.R. 32/'82), non può essere raccolta né i suoi bulbi possono essere eradicati dal terreno e trapiantati nei giardini privati.

Per rileggere gli articoli precedenti cliccate qui.

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Maggio 2016 16:47