www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Oggi nell'Appennino Ricami di ghiaccio, lo spettacolo della calaverna

Ricami di ghiaccio, lo spettacolo della calaverna

E-mail Stampa PDF



Le nubi orografiche, quelle che seguono il contorno dei rilievi, nella stagione fredda portano alla formazione di un ghiaccio che circonda tutto ciò che si trova sopra il suolo: rocce, alberi, arbusti e piante più effimere come le graminacee.

Tra le piante appartenenti alla famiglia delle graminacee, Molinia arundianacea (foto sopra), è una delle più caratteristiche e vistose: 
raggiunge i 2 metri e mezzo di altezza e ha un inconfondibile colore paglierino che tende a scurire con il procedere della stagione, donando ai versanti montani di Marcarolo un inconfondibile colore.


Molinia arundinacea appartiene come molte graminacee alla forma biologica delle emicriptofite cespitose, quelle piante erbacee dotate di gemme svernanti a livello del suolo e con ciuffi (cespi) di foglie che si originano da un unico fusto.



Lo spettacolo della calaverna (o galaverna) può essere osservato alle quote più elevate del Parco e, con maggiore frequenza, nelle parti meridionali, quelle più esposte all'umidità che proviene dal Golfo di Genova.


Il sentiero del Monte Poggio

Il Monte Poggio, molto suggestivo per i panorami che offre sia sulle Alpi che sul mare, è uno dei luoghi più adatti per osservare gli effetti della bruma invernale.
La carta sotto, stralcio della nuova carta escursionistica del Parco, può essere ingrandita cliccandovi sopra.





Il sentiero che sale alla vetta del Monte Poggio (1.081 m), parte dalla strada provinciale 167 dei Piani di Praglia, a poco più di 2 km da Capanne di Marcarolo.
Il dislivello complessivo è di 200 m con uno sviluppo di circa 1 km, un'escursione accessibile anche ai camminatori meno allenati. Gli altri escursionisti, quelli più abituati a frequentare questi crinali, possono proseguire dalla cima della montagna sino al valico del Monte Moro (884 m - 1,5 km) e da qui, con altri 2 km pressoché in piano, rientrare alla partenza passando per Capanne Superiori.






Per rileggere gli articoli precedenti cliccate qui.

Ultimo aggiornamento Sabato 15 Marzo 2014 09:37