www.areeprotetteappenninopiemontese.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
www.areeprotetteappenninopiemontese.it

 

Canzone per l'Appennino...

E-mail Stampa PDF

LA MIA CANZONE PER L’APPENNINO MADRE CHE VIVE OLTRE LE DISGRAZIE
Maurizio Maggiani


Vado all’Appennino come vado alla casa delle origini, alla mia casa matrice e silvestre. Non c’è Apuo o Ligure, o apuoligure, che volgendo il suo sguardo al mare non avverta, naturale, ovvio, il sentimento dell’Appennino alle proprie spalle, la costrizione e la protezione, il grembo seccato e sempre rifiorito dell’Apua Mater.
Vado all’Appennino perché è madre che vive oltre le disgrazie e gli abbandoni, perché non c’è un vallo, una costa, un passo o una roccia o sito selvatico che non siano abitati, transitati, segnati, lavorati, benedetti e maledetti e ancora una volta benedetti, lasciati e ripresi; e sempre e comunque viaggiati, che l’Appennino è una via, l’arteria direttrice di ininterrotto scambio di cose e persone, anime e destini. Destini; a ogni disgrazia, catastrofe e temperie di sciagura il destino dell’Appennino è dato segnato per sempre, e sempre è contraddetto.
L’impero di Roma lo volle svuotato dei suoi popoli, e c’è chi è rimasto, la fame, la fame irrimediabile, ha deportato i discendenti alle Americhe, e c’è chi è tornato, i terremoti, la madre sempre scossa da tragiche doglie, hanno dirotto i paesi, e ogni volta c’è stato chi ha riedificato.
Contro ogni apparente ragione e logica, chi parte torna, chi perde riporta, ciò che muore rinasce, dovesse anche aspettare tre generazioni, e questo accade per amore e rispetto e dignità.
Quanto si inventa l’Appennino per continuare a pensarsi vivo, a quanto lavoro senza ragionevole mercede si applica per la pura e semplice passione di resistere al destino che lo proclama in eterno morente.
Quanto pane ancora si sforna, quante pietre angolari vengono ancora insediate, quanto primitivo formentone seminato, e castagni innestati, e antiche strade custodite.
Quanta dispendiosa cura viene data per ciò che sembrerebbe insignificante solo a cambiar l’angolo da cui lo si guarda.
No, l’Appennino non è madre di abbondanza e non di clemenza, ma i suoi figli non saprebbero averne un’altra. E tutto ciò non si vede se non da lì, se non da noi. Per il resto e gli altri, per l’opaco sguardo di un tivù, è solo montagne spaccate, maledetta incuria e fastidioso peso.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Gennaio 2017 14:53
 

Ente di gestione delle Aree protette dell'Appennino piemontese

E-mail Stampa PDF

IL PENNELLO - Scuola di Disegno Naturalistico

 

Il progetto della Scuola di disegno naturalistico “IL PENNELLO” nasce dalla  collaborazione tra l’Ente Aree Protette Appennino Piemontese e l’artista Lucilla Carcano, che già da vari anni organizza laboratori estivi di disegno ed acquarello nel  Parco delle Capanne di Marcarolo.
La Scuola, che ha sede a Palazzo Baldo a Lerma, ma prevederà anche attività estive presso l’Ecomuseo di Cascina Moglioni,  presenta un’ampia offerta  di corsi e laboratori rivolti ad allievi esperti o principianti, ed incontri dedicati agli studenti delle scuole del territorio.
Obiettivo del progetto  è trasformare matite e pennelli in  sensibili  strumenti  di studio e conoscenza,  con l’aiuto dei quali scoprire  la ricchezza  della biodiversità custodita  nel territorio del Parco.

Leggi tutto...

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Novembre 2017 14:09
 

Ente di gestione delle Aree protette Appennino piemontese - Partita IVA 01550320061

Coordinate bancarie IT47U0200848310000103013498 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   - privacy